Tuesday 21 November - 06:13
nubi sparse
icona meteo

Vocante

RESTI DI VILLA ROMANA IN CONTRADA VOCANTE

Mosaico romano di Contrada Vocante

All’inizio del 2008 grande clamore ha destato il rinvenimento in Contrada Vocante di un lacerto musivo pavimentale lapideo tessellato bicromo (fine II – inizio III sec. d.C.) raffigurante all’estremità una fascia floreale formata da girali entro i quali si inscrivono alternatamente fiori di due diverse tipologie, cui seguono poi una fascia composta da una banda interamente bianca, da una interamente nera e infine da un’altra a scacchiera; mentre nella parte centrale domina una ripetitiva sequenza di “squame” (o di “foglie embricate”) di color bianco-avorio e nero-antracite.
Dalla stessa contrada provengono anche numerosi frammenti di elementi architettonici (conci lapidei, tegole fittili, soglie in marmo, affreschi e stucchi parietali) che fanno ipotizzare la presenza di una vera e propria villa romana, riconducibile ad un ricco possidente del senato amestratino, attiva dagli inizi del II fino al pieno IV sec. d.C. poi obliterata dall’abbazia basiliana di Santa Maria del Vocante.

Antiquarium